Piano di emergenza rischio idraulico

A seguito degli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 è emersa la necessità di predisporre azioni di salvaguardia dell’incolumità pubblica e di contenimento e mitigazione del rischio idraulico nei territori interessati al sisma. Il Commissario Delegato di Regione Lombardia, d’intesa con la Regione Emilia Romagna e con il parere positivo del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, con l’Ordinanza n. 7 del 12 dicembre 2012, ha provveduto alla realizzazione del Piano interregionale di emergenza per il rischio idraulico del territorio interessato dagli eventi sismici del 20-29 maggio 2012, poi aggiornato con l’Ordinanza n. 49 del 6 giugno 2014, che rimane a tutt’oggi valido.

19/02/2019