Web Content Viewer (JSR 286) 15min

Azioni
Caricamento...

Avviso Pubblico del 9 giugno 2017 : ricognizione del fabbisogno residuo

Il 26 giugno 2017 è stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale di Regione Lombardia un Avviso Pubblico finalizzato alla ricognizione del fabbisogno residuo conseguente ai danni causati dagli eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012 e per i quali non fosse mai stato riconosciuto un contributo a compensazione dei danni subiti.

In seguito a tale ricognizione sono pervenute 1.311 "schede danno" per un fabbisogno ipotetico complessivo di circa 350 milioni di euro.

Con l’Ordinanza 29 giugno 2018, n. 391 (Ordinanza Quadro), si è dato il via all’emanazione di una serie di Ordinanze finalizzate a dare piena attuazione alle previsioni dell’Avviso Pubblico fornendo per ciascuna "scheda danno" presentata un possibile canale di finanziamento. Quest’attività si è conclusa nel dicembre 2018.

Di seguito viene sinteticamente illustrata la situazione dei filoni di intervento cui tutte le "schede danno" presentate fanno riferimento.

CIVILI ABITAZIONI

Il riferimento sono l’Ordinanza del 29 giugno 2018, n. 400 e l’ Ordinanza 10 dicembre 2018, n. 449.

I termini di presentazione delle domande, prorogati con Ordinanza del 30 gennaio 2019, n.463 e con Ordinanza del 19 marzo 2019, n.474sono scaduti rispettivamente il 1° aprile 2019 e il 31 maggio 2019.

Le domande pervenute, una volta vagliate dalla Struttura Commissariale, verranno trasmesse ai Comuni per l’istruttoria di merito, in analogia alle istanze presentate a valere sull'Ordinanza n. 15 e l'Ordinanza n. 16.

IMPRESE

Il riferimento è l’Ordinanza del 10 settembre 2018, n. 415, il cui termine per la presentazione delle domande è scaduto il 31 dicembre 2018.

Come previsto dall’Ordinanza n. 415, dopo la pre-istruttoria delle n. 40 domande pervenute, il Commissario Delegato ha emesso l'Ordinanza del 30 gennaio 2019, n. 462, nella quale sono indicati i n. 38 interventi ammessi alla fase di presentazione dell'istanza tardiva di concessione del contributo e le modalità con cui presentare l'istanza tardiva.

Con Ordinanza del 3 aprile 2019, n.481, al fine di agevolare la presentazione delle istanze tardive, la scadenza di presentazione delle domande è stata prorogata al 1°luglio 2019 e il massimale di contribuzione "De Minimis" per il settore agricolo è stato elevato a 20.000 euro, come da Regolamento U.E. 2019/316 del 21 febbraio 2019.

EDIFICI PUBBLICI e/o AD USO PUBBLICO

Il riferimento è l'Ordinanza del 1 agosto 2018, n. 411, così come modificata dall'Ordinanza del 25 settembre 2018, n. 419, il cui termine per la presentazione delle domande è scaduto il 31 dicembre 2018.

Con l' Ordinanza del 21 febbraio 2019, n. 466 il Commissario Delegato ha ammesso alla fase istruttoria successiva n. 35 interventi di ripristino di Edifici Pubblici e/o immobili ad Uso Pubblico, ha definito il termine perentorio del 30 giugno 2020 per la presentazione del progetto esecutivo e di tutte le autorizzazioni necessarie e ha stabilito che i progetti esecutivi saranno valutati e finanziati, fino ad esaurimento dei fondi disponibili, in base all'ordine cronologico di presentazione.

Per quanto riguarda invece i n. 20 edifici di culto la cui "scheda danno" è stata presentata a valere sull’Avviso Pubblico: n. 16 hanno già avuto esito con l’Ordinanza 31 ottobre 2018, n. 440, mentre i restanti n. 4 interventi verranno inseriti nel Protocollo d’Intesa 17 novembre 2015 sottoscritto tra la Diocesi di Mantova ed il Commissario Delegato.

ONLUS

I riferimenti per le schede danno presentate da ONLUS sono l’Ordinanza del 14 settembre 2018, n. 417 e l'Ordinanza del 18 aprile 2019, n.484, con la quale sono stati prorogati i termini di presentazione del progetto esecutivo completo di tutte le necessarie autorizzazioni anche dopo il 30 aprile 2019, termine che si conferma perentorio per la presentazione alla Struttura Commissariale della documentazione progettuale predisposta per il rilascio delle autorizzazioni stesse.

Con Ordinanza del 30 maggio 2019, n. 493  viene approvato l’esito istruttorio delle n. 5 (cinque) istanze di contributo presentate a valere sull’Ordinanza 417 del 14 settembre 2018, per la riparazione, il ripristino o la ricostruzione di immobili di proprietà di Onlus.

L’Ordinanza stabilisce inoltre che per i progetti AMMESSI e COMPLETI di tutte le necessarie autorizzazioni, la Struttura Commissariale proceda con l’esame della documentazione progettuale secondo quanto previsto dall’Ordinanza 417, rimandando invece per i progetto AMMESSI ma NON COMPLETI di tutte le necessarie autorizzazioni, la consegna della documentazione mancante entro e non oltre il termine perentorio del 31 maggio 2020.

(aggiornato al 31 maggio 2019)

Avviso Pubblico 9 giugno 2017

Documento PDF - 595 KB

11/06/2019