Web Content Viewer (JSR 286) 15min

Azioni
Caricamento...

Centri Storici ed Urbani

Al fine di favorire la ricostruzione, riqualificazione e rifunzionalizzazione degli ambiti dei Centri storici e urbani colpiti dagli eventi sismici sono state emanate una serie di Ordinanze, sulla scorta di quanto previsto dall’art. 1, commi da 369 a 373, della Legge 27 dicembre 2013, n. 147.

Ordinanza 12 giugno 2015, n. 110

  • Attua la raccolta delle manifestazioni di interesse da parte dei Comuni coinvolti.

Ordinanza 7 giugno 2016, n. 225

  • Individua i Comuni interessati ad intervenire nei Centri storici e urbani.
  • Approva le Linee Guida per la redazione dei Piani Organici, attraverso i quali n proporre un quadro complessivo di interventi, nonché i Criteri di valutazione e modalità di ripartizione delle risorse finanziarie.
  • Costituisce la Commissione tecnica per la valutazione degli interventi e dei Piani Organici.
  • Rinvia a successiva ordinanza l’individuazione delle risorse destinate alla eventuale realizzazione dei Piani organici.

Ordinanza 13 giugno 2017, n. 328

  • Prende atto del lavoro della Commissione Tecnica, approvando i Piani Organici presentati dai Comuni, nonché gli interventi presentati nell'ambito di ciascun Piano Organico.

Ordinanza 29 novembre 2017, n. 359

  • Suddivide gli interventi proposti in riferimento alla finanziabilità.
  • Assegna un contributo provvisorio, definendo i criteri per il suo possibile utilizzo.
  • Istituisce una nuova Commissione Tecnica

Ordinanza 11 giugno 2018, n. 389

1) Prende atto degli esiti della Commissione Tecnica Centri Storici così come riportati nel verbale del 15 marzo 2018.

2) Sostituisce gli allegati, tutti costituenti parte integrante e sostanziale, nel modo seguente:

  • allegato «A) interventi sui beni pubblici» sostituisce l’allegato «A) interventi sui beni pubblici» dell’Ordinanza n. 359;
  • allegato «B) interventi sui beni privati necessitanti accordo pubblico/privato» sostituisce l’allegato «B) interventi sui beni privati necessitanti accordo pubblico/privato» dell’Ordinanza n. 359;
  • allegato «C) interventi non ammessi a finanziamento» sostituisce l’allegato «C) interventi non ammessi a finanziamento» dell’Ordinanza n. 359;
  • allegato «D) interventi ritirati» sostituisce la allegato «D) interventi ritirati» dell’Ordinanza n. 359;

Ordinanza 29 giugno 2018, n. 401

Con l’Ordinanza 29 giugno 2018 n. 401 il Commissario Delegato ha approvato la “definizione di termini e criteri per la quantificazione del contributo e modalità per l’attuazione degli interventi inseriti nell’allegato B all’Ordinanza 389 del 31 maggio 2018”.

Nello specifico vengono definiti i termini, criteri e modalità per il subentro nell’attività di recupero da parte di terzi, Soggetti di diritto pubblico o privati, in attuazione del comma n. 371 dell’articolo 1 della Legge 27 dicembre 2013, n.147 “Legge di Stabilità 2014”.

L’interpretazione autentica circa il metodo di calcolo, previsto all’articolo 3 comma 2 dell’Ordinanza n. 401, dell’importo lavori ammissibile e la determinazione del contributo riconoscibile per il ripristino degli immobili danneggiati è stata definita dall’Ordinanza n. 498 dell’11 luglio 2019.

Ordinanza 19 dicembre 2018, n. 456

Con l’Ordinanza 19 dicembre 2018 n. 456 si prende atto del verbale conclusivo della Commissione Tecnica relativo alla valutazione degli aggiornamenti dei Piani Organici presentati dai comuni per l’anno 2018, della contestuale rideterminazione del contributo provvisorio e della parziale rettifica dell’Ordinanza 29 giugno 2018, n. 401

Ordinanza 6 marzo 2020, n. 549

Con l’Ordinanza 6 marzo 2020 n.549 il Commissario Delegato riformula le scadenze di cui all’ordinanza 19 dicembre 2018, n.456 nel seguente modo:

entro il termine perentorio del 30 settembre 2020 i Comuni dovranno presentare un pre-accordo tra le parti circa le mo­dalità di attuazione dell’intervento, pena l’inammissibilità di finanziamento e quindi l’archiviazione dell’istanza; analoga­mente si procederà all’archiviazione qualora venga meno l’interesse da parte di uno dei sottoscrittori del pre - accordo;

entro il termine perentorio del 30 giugno 2021 dovrà essere presentato il progetto esecutivo secondo le modalità di cui all’ordinanza 29 giugno 2018, n.401.

Ordinanza 29 giugno 2020, n. 583

Con l’Ordinanza 29 giugno 2020 n. 583, si procede, sulla base dei dati aggiornati al 31 maggio 2020, ad una rideterminazione dei contributi provvisori pro quota già assegnati con Ordinanza 29 novembre 2017, n. 359, portando a € 32.582.126,42 la dotazione finanziaria dell’Ordinanza.

29/07/2020